Nuribia

ArrowArrow
Shadow
Slider

Nuribia, genealogia e parentele

Nuribia è un Sella Italiano Mipaaf, nata nel 2006.

Guarda qui il suo PEDIGREE on-line

Questa cavalla baia da parte di madre, e’ sorella di Star Magic. Il padre e’ il famoso stallone operante in Sardegna Uribbe Ruspina (Rubis de Carrere x Berchidda by Saadi), morto purtroppo prematuramente.

Uribbe Ruspina ha vinto piu’ di 42.000 di montepremi in corse in pista.

Meta’ dei suoi figli hanno corso o ancora corrono in endurance, sei di loro qualificati per piu’ di 100 km,  e la maggior parte con velocità’ elevate e un eccellente recupero cardiaco.

Delphica, la madre, proviene da una linea di sangue per lo più araba, per un ottavo anglo-Araba e per 1/8 da famosi cavalli performanti.

La sua parte araba proviene da Insiatur, uno stallone importato in europa dell’Iran. Insiatur proviene dalla più importante discendenza storica di purosangue arabi persiani, che ha origine dai beduini del deserto e dal famoso allevatore Majid Khan Bakhtiar. 

Il fisico di Nuribia, il carattere, le prestazioni.

Nuribia è un cavallo molto potente, con un recupero cardiaco eccezionale, quasi sempre in meno di un minuto. Vincente nelle gare di endurance di regolarità, molti podi nelle gare regionali, due podi e una vittoria nella coppa delle Regioni, la classificano come uno dei cavalli col migliore “cuore” d’Italia

 Nel 2013 ha preso parte alla World Endurance Young Championship e nel 2014 e’ finita in 25esima  posizione nelle corsa 70+70 km al  Raid Internationales de Barcelona (Santa Susanna, ESP). Questa gara spagnola è una delle piu’ antiche, importanti, lunghe e difficili corse in Europa.

In ottobre 2016  Nuribia ha affrontato e concluso la sua prima 120, nel 2017 ha replicato con  ancora due CEI**, una a Vivaro in marzo, l’altra a metà di  luglio a Pisa, San Rossore, alla velocità di 16,5 km/h. In giugno 2018 ha portato a termine la sua prima 160 ai 15.5 km/h con il miglior rientro di cuore della gara. Sotto le foto. Nuribia è una cavalla con un grand cuore, in tutti i sensi.
20180629_225615
nuribiaheart

Puoi leggere questa pagina anche in: Inglese